Anni 2013-2017

L’Unità organizzativa per il contenzioso del DIPE ha predisposto le memorie richieste dalla Avvocatura generale dello Stato e dalle singole Avvocature distrettuali per la difesa in giudizio delle delibere del CIPE adottate nei settori di competenza.

In via generale, dalla approvazione della legge n. 443/2001 (cd “legge obiettivo”), sono pervenuti, complessivamente, sino al 2017 circa 560 ricorsi riguardanti circa 80 opere strategiche proposti da Enti territoriali, soggetti privati, società, associazioni ambientaliste ecc. Il contenzioso ha registrato un andamento favorevole all’Amministrazione: i ricorsi infatti sono stati per la quasi totalità tutti respinti, dichiarati inammissibili o improcedibili.

Nel primo periodo di attuazione della legge obiettivo e in particolare al 2013, risultavano già pervenuti circa 350 ricorsi con circa n. 52 opere coinvolte.

Sono state elaborate circa n. 100 memorie nel biennio 2015-2016 e circa n. 40 memorie nell’anno 2017, dato che evidenzia una lieve riduzione del contenzioso rispetto agli anni precedenti.

Nel periodo di riferimento, l’Unità per il contenzioso ha svolto, su richiesta del Capo dipartimento, attività di consulenza giuridica e curato la trasmissione al Dipartimento affari giuridici e legislativi della Presidenza del Consiglio dei Ministri degli atti per il pagamento delle spese processuali riguardanti i ricorsi definiti con sentenza