Dieci anni di messa in sicurezza delle scuole

La programmazione dell’edilizia scolastica: aspetti procedurali e norme di riferimento

Legge 23/1996

La legge 23/1996 (art. 4, comma 2) ha previsto che la programmazione dell’edilizia scolastica si realizza mediante piani generali triennali e piani annuali di attuazione predisposti e approvati dalle regioni. Tali piani, sentiti gli uffici scolastici regionali, sono adottati sulla base delle proposte formulate dagli enti territoriali competenti, sentiti gli uffici scolastici provinciali. A tale scopo, questi uffici sono chiamati ad adottare le procedure consultive dei consigli scolastici distrettuali e provinciali.

La procedura per l’emanazione dei suddetti piani, disciplinata ai successivi commi 3-9, prevede l’emanazione di un decreto del Ministro della pubblica istruzione, sentita la Conferenza Stato-regioni, che fissa gli indirizzi per assicurare il coordinamento degli interventi ai fini della programmazione scolastica nazionale, stabilisce i criteri per la ripartizione dei fondi fra le regioni, indica le somme disponibili nel primo triennio suddividendole per annualità.

Successivamente alla pubblicazione del decreto, le regioni approvano e trasmettono al MIUR i piani generali triennali contenenti i progetti preliminari, la valutazione dei costi e l’indicazione degli enti territoriali competenti che, in assenza di osservazione del Ministero, vengono pubblicati nei rispettivi bollettini ufficiali. In seguito, gli enti territoriali competenti approvano i progetti esecutivi degli interventi previsti nel primo anno del triennio e provvedono a richiedere la concessione dei mutui alla Cassa depositi e prestiti che è chiamata, dopo il ricevimento della deliberazione di assunzione del mutuo e la comunicazione dell’avvenuta concessione, a darne avviso alle regioni. Specifici termini sono previsti anche per i piani generali triennali che sono formulati dalle regioni successivamente al primo: nella ripartizione dei fondi disponibili, infatti, si tiene conto, oltre che dei criteri di riparto, anche dello stato di attuazione dei piani precedenti.

Se gli enti territoriali non provvedono agli adempimenti di loro competenza, in via sostitutiva le regioni o le province autonome provvedono automaticamente; in caso di inadempienza di regioni e province autonome, provvede in via sostitutiva il commissario di Governo. Come previsto dal’articolo 7 della medesima legge 23, inoltre, per la programmazione delle opere di edilizia scolastica le regioni e gli enti locali interessati possono avvalersi dei dati dell’anagrafe nazionale dell’edilizia scolastica.

L.289/2002

Con la legge finanziaria 2003 (art. 80, comma 21, della L. 289/2002) è stato istituito, nell’ambito del “Programma delle Infrastrutture Strategiche” (PIS), un “Piano straordinario di messa in sicurezza degli edifici scolastici”, oggetto di approvazione da parte del CIPE.

D.M. 16 luglio 2007

Il D.M. 16 luglio 2007, di riparto delle risorse assegnate dalla legge 296/2006 (legge finanziaria 2007) per il piano 2007-2009, ha anche indicato gli indirizzi volti ad assicurare il coordinamento degli interventi regionali. In base alle citate norme, il 50% delle predette risorse è destinato al completamento delle attività di messa in sicurezza e di adeguamento a norma degli edifici scolastici da parte dei competenti enti locali; per questi specifici interventi le regioni e gli enti locali interessati, nell’ambito dei piani sopra citati, concorrono al finanziamento, ciascuno nella misura di un terzo.

D.L. 185/2008

L’art. 18 del decreto-legge 185/2008 ha previsto, al comma 1, lettera b), che il CIPE provveda all’assegnazione, per la messa in sicurezza delle scuole, di una quota delle risorse nazionali del FAS (Fondo aree sottoutilizzate, oggi Fondo sviluppo e coesione) destinate al Fondo infrastrutture di cui all’art. 6-quinquies del decreto-legge 112/2008.

Conferenza unificata del 28 gennaio 2009

Si segnala, poi, che il 28 gennaio 2009 è stata sottoscritta un’intesa in sede di Conferenza unificata sugli «indirizzi per prevenire e fronteggiare eventuali situazioni di rischio connesse alla vulnerabilità di elementi anche non strutturali negli edifici scolastici». Essa prevede la costituzione, presso ciascuna regione e provincia autonoma, di gruppi di lavoro, composti da rappresentanze degli Uffici Scolastici Regionali, dei Provveditorati Interregionali alle Opere Pubbliche, dell’ANCI, dell’UPI e dell’UNCEM, con il compito di creare squadre tecniche incaricate dell’effettuazione di sopralluoghi sugli edifici scolastici del rispettivo territorio e di compilare apposite schede, il cui contenuto è destinato a confluire successivamente nell’Anagrafe nazionale dell’edilizia scolastica. L’intera iniziativa avrebbe dovuto essere completata entro sei mesi dalla pubblicazione dell’intesa ed, a tal fine, sono stati previsti la costituzione dei gruppi di lavoro e la formazione di apposite squadre. E’ stato altresì previsto che eventuali ritardi, superiori ai 40 giorni, avrebbero comportato l’intervento sostitutivo del Prefetto.

Il (nuovo) “Piano nazionale di edilizia scolastica” D.L. 5/2012

Al fine di garantire su tutto il territorio nazionale l’ammodernamento e la razionalizzazione del patrimonio immobiliare scolastico, anche in modo da conseguire una riduzione strutturale delle spese correnti di funzionamento, l’art. 53 del D.L. 5/2012 ha previsto l’approvazione da parte del CIPE di un Piano nazionale di edilizia scolastica.

Il comma 1 del citato articolo disciplina il procedimento di approvazione del piano stabilendo, tra l’altro, che essa avvenga su proposta dei Ministri dell’istruzione, e delle infrastrutture (di concerto con i Ministri dell’economia e dell’ambiente, previa intesa in sede di Conferenza unificata) ed intervenga entro 90 giorni dall’entrata in vigore del decreto.

Gli interventi da realizzare attraverso il Piano, dovranno essere sia di ammodernamento e recupero del patrimonio scolastico esistente, anche ai fini della messa in sicurezza degli edifici, sia di costruzione e completamento di nuovi edifici scolastici. Lo stesso comma elenca i criteri generali che dovranno guidare l’attuazione del Piano; viene infatti previsto che gli interventi citati dovranno essere realizzati in un’ottica di razionalizzazione e contenimento delle spese correnti di funzionamento, nonché di efficientamento energetico e di riduzione delle emissioni inquinanti e favorendo il coinvolgimento di capitali pubblici e privati.

Tra gli interventi strumentali alla realizzazione del Piano, il comma 2, come novellato dal comma 4 dell’art. 11 del D.L. 179/2012, ricorda, come utilizzabili:

  • iniziative di rigenerazione integrata del patrimonio immobiliare scolastico, avviate da MIUR, regioni e competenti enti locali, anche attraverso la realizzazione di nuovi complessi scolastici, nonché iniziative finalizzate, tra l’altro, alla costituzione di società, consorzi o fondi immobiliari;
  • ricorso ai contratti di servizio energia di cui al D.P.R. 412/1993, da stipulare senza oneri a carico dell’ente locale in conformità alle previsioni di cui al D.Lgs. 115/2008, anche nelle forme dei contratti di partenariato pubblico-privato (PPP), al fine di favorire il contenimento dei consumi energetici del patrimonio scolastico e, ove possibile, la contestuale messa a norma dello stesso, contenendo però la spesa pubblica;
  • la costituzione di uno o più fondi immobiliari destinati alla valorizzazione e razionalizzazione del patrimonio immobiliare scolastico ovvero alla promozione di strumenti finanziari immobiliari innovativi, articolati anche in un sistema integrato nazionale e locale, per l’acquisizione e la realizzazione di immobili per l’edilizia scolastica;
  • la messa a disposizione di beni immobili di proprietà pubblica a uso scolastico suscettibili di valorizzazione e dismissione in favore di soggetti pubblici o privati, mediante permuta, anche parziale, con immobili già esistenti o da edificare e da destinare a nuove scuole;
  • le modalità di compartecipazione facoltativa degli enti locali;
  • la promozione di contratti di partenariato pubblico privato (PPP).

Da segnalare altresì le disposizioni dettate dal comma 3 che prevede la stipula di appositi accordi di programma per concentrare gli interventi sulle esigenze dei singoli contesti territoriali e promuovere e valorizzare la partecipazione di soggetti pubblici e privati per sviluppare utili sinergie.

Ancora più rilevante il disposto del comma 5 che individua i seguenti interventi urgenti da attuare nelle more della definizione e approvazione del Piano, al fine di assicurare il tempestivo avvio di interventi prioritari e immediatamente realizzabili di edilizia scolastica coerenti con gli obiettivi di cui ai commi 1 e 2:

  • approvazione, da parte del CIPE (su proposta dei Ministri dell’istruzione e delle infrastrutture, sentita la Conferenza unificata), di un Piano di messa in sicurezza degli edifici scolastici esistenti e di costruzione di nuovi edifici scolastici, anche favorendo interventi diretti al risparmio energetico e all’eliminazione delle locazioni a carattere oneroso, nell’ambito delle risorse assegnate al Ministero dell’istruzione dall’art. 33, comma 8, della L. 183/2011.
  • applicazione anche nel triennio 2012-2014 delle disposizioni di cui all’art. 1, comma 626, della L. 296/2006 (finanziaria 2007), con estensione dell’ambito di applicazione alle scuole primarie e dell’infanzia, subordinatamente al rispetto dei saldi strutturali di finanza pubblica.

Per le finalità indicate dal comma 2, viene previsto l’utilizzo delle risorse di cui all’art. 33, comma 8, della L. 183/2011, nonché delle risorse a valere sui fondi di cui all’art. 33, comma 3, della medesima legge, già destinate con delibera CIPE n. 6/2012 alla costruzione di nuove scuole (FSC).

D.L. 179/2012

In materia è di recente intervenuto l’art. 11, commi da 4-bis a 4-octies, del D.L. 179/2012, che ha indicato nuove modalità di predisposizione e approvazione di appositi piani triennali di interventi di edilizia scolastica, nonché dei relativi finanziamenti, senza, tuttavia, chiarire il raccordo con le previsioni della L. 23/1996 (alle quali, come si vedrà, fa riferimento l’art. 53 del D.L. 5/2012, che ha previsto l’approvazione di un nuovo Piano nazionale di edilizia scolastica).

In particolare, i commi indicati hanno previsto che con decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, d’intesa con la Conferenza unificata, sono definiti le priorità strategiche, le modalità e i termini per l’approvazione dei predetti piani, che saranno articolati per ciascuna annualità al fine di consentire il regolare svolgimento del servizio scolastico in ambienti adeguati e sicuri.

Per l’inserimento in tali piani, gli enti locali proprietari degli immobili adibiti all’uso scolastico presentano un’apposita richiesta alle rispettive regioni e alle province autonome di Trento e di Bolzano. Tali enti, sulla base delle richieste pervenute da parte degli enti locali, trasmettono al MIUR il piano di interventi nei termini indicati dal decreto ministeriale, pena la decadenza dai finanziamenti assegnabili nell’arco del triennio.

Il MIUR deve verificare i piani trasmessi dalle regioni e dalle province autonome e, in assenza di osservazioni da formulare, comunica l’avvenuta approvazione alle regioni affinché siano pubblicati, nei successivi trenta giorni, sui rispettivi bollettini ufficiali regionali.

Nell’assegnazione delle risorse si tiene conto della capacità di spesa degli enti locali nell’utilizzo delle risorse assegnate nell’annualità precedente, “premiando” le regioni “virtuose” con l’attribuzione di una quota non superiore al venti per cento, aggiuntiva rispetto all’entità di risorse spettanti in sede di riparto.

Per le predette finalità è stata prevista l’istituzione, a decorrere dal 2013, di un Fondo unico per l’edilizia scolastica nello stato di previsione del MIUR, al quale confluiscono tutte le risorse iscritte nel bilancio dello Stato destinate agli interventi di edilizia scolastica.

 

Il finanziamento dell’edilizia scolastica nell’ultimo decennio

Gli stanziamenti per la messa in sicurezza degli edifici scolastici hanno seguito, nell’ultimo decennio, quattro filoni di intervento: un primo filone scaturito dalle risorse individuate nell’ambito del Programma delle infrastrutture strategiche avviato dalla c.d. legge obiettivo (L. 443/2001), un secondo filone derivante dalla programmazione dell’edilizia scolastica prevista dalla L. 23/1996 (cfr. sopra), un terzo filone, contenente ulteriori interventi finalizzati all’adeguamento antisismico delle strutture scolastiche, avviato con la finanziaria 2008 (L. 244/2007) e un quarto filone finanziato dal 2010 al 2014 con risorse del Fondo sviluppo e coesione.

Il 1° piano straordinario di messa in sicurezza degli edifici scolastici nell’ambito del Programma delle infrastrutture strategiche (PIS)

In seguito al crollo della scuola elementare “Francesco Iovine” di San Giuliano di Puglia, avvenuto in data 31 ottobre 2002, con la legge finanziaria 2003 (art. 80, comma 21, della L. 289/2002) è stato istituito, nell’ambito del “Programma delle Infrastrutture Strategiche” (PIS), un “Piano straordinario di messa in sicurezza degli edifici scolastici”.

Esso risulta articolato in due stralci (approvati con le delibere CIPE 102/2004 e 143/2006) per complessivi 489,083 milioni di euro (delibera ricognitiva del CIPE n. 10/2009) riferiti inizialmente a 1.594 interventi.

Successivamente, con la delibera n. 76/2011 il CIPE ha approvato la “Relazione semestrale al 31 dicembre 2010 sullo stato di avanzamento del 1° e del 2° programma stralcio”.

In relazione al 1° Programma stralcio, la relazione ha evidenziato che risulterebbero non avviati interventi per un valore di 18,5 milioni di euro (11% del totale) a causa di ritardi relativi all’autorizzazione e alla sottoscrizione dei relativi contratti di mutuo; con riferimento al 2° Programma stralcio si sono riscontrati ritardi analoghi con interventi non avviati per un ammontare di 91,2 milioni di euro (pari al 30% del totale).

La successiva delibera n. 66 del 30 aprile 2012, il CIPE ha preso atto che sono stati attivati dagli enti locali beneficiari 1.320 interventi (pari all’83% dei 1.593 interventi programmati) dell’importo di 386 milioni di euro (il 79% del valore dell’intero Piano). Risultano completati 329 interventi (21%) per un importo complessivo di 85,3 milioni di euro (17 % del totale). Gli importi complessivi assegnati al Mezzogiorno assommano a circa il 67 % del totale delle risorse.

La delibera CIPE 22/2014 ha infine preso atto della relazione semestrale al 31 dicembre 2013 sull’avanzamento del 1° e 2° programma stralcio e del 1° programma stralcio di rimodulazione del Piano straordinario per la messa in sicurezza degli edifici scolastici di cui alle delibere CIPE n. 102/2004, n. 157/2005, n. 143/2006 e n. 17/2008, per la suddetta disponibilità complessiva di 489,083 milioni di euro, da cui risulta che sono stati attivati complessivamente l’85 per cento dei 1.592 interventi previsti, per un importo di circa 406 milioni di euro, pari all’83 per cento delle risorse disponibili, e risulta ultimato, a dicembre 2013, un numero di 536 interventi;

E’ stato inoltre previsto un terzo programma stralcio, da alimentare con le risorse stanziate dall’art. 7-bis del D.L. 137/2008. Il comma 1 dell’art. 7-bis ha previsto l’assegnazione, al Piano straordinario per la messa in sicurezza degli edifici scolastici di un importo non inferiore al 5% delle risorse stanziate per il PIS, all’interno del quale il piano stesso è ricompreso.

La delibera CIPE 114/2008 ha accantonato, a valere sullo stanziamento di cui all’art. 21 del D.L. 185/2008, per la prosecuzione dell’attuazione del piano straordinario per la messa in sicurezza degli edifici scolastici, una quota di 3 milioni di euro per 15 anni, a valere sul contributo di 60 milioni di euro decorrente dal 2009, ed una quota di 7,5 milioni di euro per 15 anni, a valere sul contributo di 150 milioni di euro decorrente dal 2010. La stessa delibera ha previsto che “la definitiva assegnazione delle quote di cui al punto 2.1 avverrà sulla base del 3° programma stralcio”.

Nelle more dell’adozione del 3° programma stralcio, la legge finanziaria 2010 (art. 2, comma 239, L. 191/2009) ha introdotto alcune norme procedurali finalizzate a garantire condizioni di massima celerità nella realizzazione degli interventi necessari per la messa in sicurezza e l’adeguamento antisismico delle scuole. Tale comma ha infatti previsto, previa approvazione di apposito atto di indirizzo delle Commissioni parlamentari, l’individuazione (entro il 30 giugno 2010) di interventi “di immediata realizzabilità fino all’importo complessivo di 300 milioni di euro, con la relativa ripartizione degli importi tra gli enti territoriali interessati, nell’ambito delle misure e con le modalità previste ai sensi dell’articolo 7-bis del decreto-legge 1° settembre 2008, n. 137”.

La risoluzione (cd. risoluzione Alfano) è stata approvata il 25 novembre 2010 dalle Commissioni Bilancio e Cultura della Camera (risoluzione n. 8-00099) e successivamente riapprovata in data 2 agosto 2011 (risoluzione n. 8-00143) sulla base delle risultanze dell’audizione svolta dal Sottosegretario per le infrastrutture presso le Commissioni riunite V e VII, in data 21 luglio 2011, che ha evidenziato la necessità, per i soggetti richiedenti i finanziamenti, di produrre idonea certificazione della sussistenza dei requisiti previsti dalla legge finanziaria 2010.

Al fine di rendere operativo il 3° stralcio, l’art. 30, comma 5-bis, del D.L. 201/2011 (convertito dalla L. 214/2011, pubblicata sulla G.U. del 27 dicembre 2011) ha impegnato il Governo a dare attuazione entro il 12 gennaio 2012 al citato atto di indirizzo approvato il 2 agosto 2011.

In attuazione delle norme citate, con il D.M. Infrastrutture e trasporti 3 ottobre 2012 si è provveduto all’approvazione del programma di edilizia scolastica in attuazione della citata risoluzione n. 8-00143. Ai sensi dell’art. 1 di tale D.M., il programma riguarda 989 edifici scolastici per un costo stimato complessivo di 111,8 milioni di euro.

La citata relazione semestrale al 31 dicembre 2013, per quanto riguarda lo stato di attuazione del programma di interventi di cui alla risoluzione n. 8-00143 c.d. “Risoluzione Alfano”, rinvia alla relazione da presentarsi alle Camere prevista dall’articolo 30, comma 5-bis, del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201.

 Il 2° piano straordinario di messa in sicurezza degli edifici scolastici o “Piano straordinario stralcio” (FSC)

L’art. 18 del decreto-legge 185/2008 ha previsto, al comma 1, lettera b), che il CIPE provveda all’assegnazione, per la messa in sicurezza delle scuole, di una quota delle risorse nazionali del FAS (Fondo aree sottoutilizzate, oggi Fondo sviluppo e coesione) destinate al Fondo infrastrutture di cui all’art. 6-quinquies del decreto-legge 112/2008.

La delibera CIPE 3/2009 ha quindi assegnato al Fondo Infrastrutture 1 miliardo di euro da destinare al Piano straordinario di messa in sicurezza degli edifici scolastici. La successiva delibera 32/2010 del 13 maggio 2010 (rettificata dalla delibera 67/2010) ha assegnato la prima quota del miliardo di euro (358,42 milioni) per il “Piano straordinario stralcio”, da erogare “secondo modalità temporali compatibili con i vincoli di finanza pubblica correlati all’utilizzo delle risorse FAS”. Tra l’altro, la delibera 32/2010 ha previsto la stipula di apposite convenzioni tra il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e gli enti attuatori.

La successiva delibera CIPE n. 66 del 30 aprile 2012, ha preso atto che gli enti locali hanno sottoscritto 1.630 convenzioni con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, per un valore di circa 347 milioni di euro (97% del totale) e i pagamenti effettuati sono stati pari a 59,5 milioni di euro (16,6 %). La stessa delibera ha evidenziato che l’attuazione del piano è stata ritardata dalla mancata messa a disposizione di parte delle relative risorse, a seguito della legge di stabilità 2012 (v. infra), risorse poi ristorate con la delibera CIPE n. 6/2012.

Il CIPE, in attuazione delle previsioni contenute nelle intervenute manovre finanziare di fine 2011, con la stesa delibera 6/2012, ha ridefinito il quadro finanziario complessivo del Fondo per lo sviluppo e la coesione assegnando, tra l’altro 259 milioni per un secondo programma straordinario di interventi urgenti sul patrimonio scolastico, che prevede di intervenire su 1809 situazioni.

Queste ultime risorse sono state recate dall’art. 33, commi 2-3, della legge 183/2011 (legge di stabilità 2012), che ha previsto che le risorse del FSC (istituito dall’art. 4 del D.lgs. n. 88/2011 in luogo del Fondo per le aree sottoutilizzate – FAS – di cui all’art. 61 della legge 289/2002) vengano assegnate dal CIPE con indicazione delle relative quote annuali e che a tale fondo venga assegnata una dotazione finanziaria di 2.800 milioni di euro, “da destinare prioritariamente alla prosecuzione di interventi indifferibili infrastrutturali, nonché per la messa in sicurezza di edifici scolastici, per l’edilizia sanitaria, per il dissesto idrogeologico e per interventi a favore delle imprese sulla base di titoli giuridici perfezionati alla data del 30 settembre 2011, già previsti nell’ambito dei programmi nazionali per il periodo 2007-2013”.

La legge n. 183/2011, all’art. 33, comma 8, ha previsto anche l’istituzione per l’anno 2012 di un apposito fondo con una dotazione di 750 milioni di euro, destinato, tra l’altro, quanto a 100 milioni di euro al MIUR per la messa in sicurezza degli edifici scolastici. Tali risorse sono state destinate con delibera CIPE n. 6/2012, alla costruzione di nuove scuole e, considerato che l’art. 5, comma 1-bis, del D.L. n. 74 del 2012 ha destinato il 60 per cento delle predette risorse alla ripresa delle attività scolastiche nelle aree interessate dal sisma in Emilia del 20 maggio 2012, le risorse disponibili ammonterebbero complessivamente a 40 milioni che soggiacciono al vincolo di destinazione territoriale dell’85 per cento nelle regioni del Mezzogiorno.

Con la delibera n. 148/2012 il CIPE ha poi disposto il definanziamento, soggetto a opportune procedure di verifica, per l’importo di 4,5 milioni di euro, di alcuni interventi ricompresi negli elenchi di cui alle citate delibere n. 32/2010 e n. 6/2012, concernenti la messa in sicurezza di edifici scolastici che risultavano sede di scuole parificate o private, ovvero non risultavano adibiti a uso scolastico, e ha sospeso, previo approfondimento di carattere tecnico, per alcuni interventi in edifici sede di scuole pubbliche locatarie di edifici di proprietà privata, il trasferimento a favore degli enti locali di risorse di importo complessivo pari a 4,7 milioni euro, assegnate con le richiamate delibere n. 32/2010 e n. 6/2012, incaricando il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti di monitorare l’attuazione degli interventi finanziati e a sottoporre al CIPE, entro il 31 dicembre di ogni anno, apposita relazione sullo stato di utilizzo delle risorse finanziarie assegnate e sullo stato di avanzamento dei relativi lavori, evidenziando eventuali criticità.

 Le disposizioni del D.L. 201/2011

Con il decreto-legge 201/2011 sono state introdotte due disposizioni relative alla sicurezza degli edifici scolastici. La prima, contenuta nell’art. 25, comma 1-bis, prevede che le somme non impegnate alla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto (il 28 dicembre 2011) per la realizzazione degli interventi necessari per la messa in sicurezza e l’adeguamento antisismico delle scuole, di cui all’art. 2, comma 239, della legge finanziaria 2010, in misura pari all’importo di 2,5 milioni di euro, sono destinate al Fondo per l’ammortamento dei titoli di Stato di cui all’ art. 44 del D.P.R. 398/2003.

La seconda disposizione introdotta dal D.L. 201/2011 è quella di cui all’art. 30, comma 5-bis, che, al fine di garantire la realizzazione di interventi necessari per la messa in sicurezza e l’adeguamento antisismico delle scuole, ha imposto al Governo di provvedere, entro il 12 gennaio 2012:

  • all’attuazione della risoluzione n. 8-00143 (v. supra);
  • all’adozione degli atti necessari all’erogazione delle risorse del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) destinate alle medesime finalità ai sensi dell’art. 33, comma 3, della legge 183/2011 (legge di stabilità 2012) nell’ambito della procedura ivi prevista.

Le misure per gli edifici scolastici dell’Abruzzo

L’art. 4, comma 4, del decreto-legge 39/2009, convertito con modificazioni dalla legge 77/2009, ha previsto misure per la messa in sicurezza delle scuole mediante la destinazione alla regione Abruzzo di una quota aggiuntiva delle risorse del Fondo infrastrutture.

Con l’art. 15 dell’O.P.C.M. 3782/2009 è stato, quindi, conferito l’incarico al Presidente della Regione Abruzzo, in qualità di Commissario delegato, d’intesa con il Presidente della Provincia dell’Aquila e i Sindaci dei Comuni interessati, di elaborare un programma-stralcio di interventi urgenti sull’edilizia scolastica per consentire l’avvio regolare dell’anno scolastico 2009/2010 nei Comuni colpiti dal terremoto.

Lo stesso art. 15 ha previsto al comma 3, nel testo integrato dall’O.P.C.M. 3820/2009, che “per le finalità di cui al presente articolo si provvede”, nel limite di 30,6 milioni di euro, “a valere sulle risorse previste dall’art. 18 del decreto-legge 29 novembre 2009, n. 185, destinate al finanziamento degli interventi in materia di edilizia scolastica. Le predette somme sono trasferite ad apposita contabilità speciale da istituire presso la Tesoreria dello Stato di L’Aquila in favore del competente Provveditore interregionale alle opere pubbliche, che opera quale soggetto attuatore degli interventi”.

Successivamente la delibera CIPE 47/2009, ha destinato 226,4 milioni di euro in favore della regione Abruzzo per il finanziamento degli interventi di edilizia scolastica connessi agli eventi sismici.

Nella Relazione del Ministro per la Coesione Territoriale del 12 giugno 2012 sullo” Stato di avanzamento delle misure urgenti per la semplificazione, il rigore e il superamento dell’emergenza del dopo-sisma in Abruzzo”, si evidenzia che erano stati programmati 269 interventi di “Messa in sicurezza edifici scolastici” (166 in provincia dell’Aquila, 15 in provincia di Chieti, 40 in provincia di Pescara, 48 in provincia di Teramo).

Adeguamento antisismico di competenza della protezione civile (legge 244/2007)

La legge finanziaria 2008 (art. 2, comma 276, L. 244/2007) ha previsto un finanziamento di 20 milioni di euro attraverso l’incremento del Fondo per gli interventi straordinari della Presidenza del Consiglio (istituito dall’art. 32-bis del decreto-legge 269/2003, per la realizzazione di interventi infrastrutturali con priorità per quelli volti alla riduzione del rischio sismico).

Il citato Fondo è stato quindi incrementato, ai sensi del citato comma 276, di 20 milioni di euro a decorrere dal 2008, al fine di conseguire l’adeguamento strutturale ed antisismico degli edifici del sistema scolastico, nonché la costruzione di nuovi immobili sostitutivi degli edifici esistenti, laddove indispensabili a sostituire quelli a rischio sismico.

Con successive ordinanze di protezione civile sono state determinate le modalità di attivazione del citato Fondo ed i criteri per l’assegnazione delle risorse.

L’O.P.C.M. 3728/2008 ha ripartito tra le regioni e le province autonome la somma di 20 milioni di euro relativa all’anno 2008, prevedendo che gli interventi da realizzare e le risorse da destinare a ciascun intervento siano individuati, conformemente a quanto previsto nei piani predisposti dalle regioni, con uno o più decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri (D.P.C.M. 12 gennaio 2010). Il riparto per gli anni 2009, 2010 e 2011 è stato successivamente effettuato con le ordinanze 3864/2010, 3879/2010 e 3927/2011. Si segnala, inoltre, che con il D.P.C.M. 2 marzo 2011 sono state assegnate alle regioni le risorse del Fondo a valere sulle risorse già assegnate con O.P.C.M. 3864/2010, riprogrammando, per ogni regione, il piano degli interventi a valere sulle assegnazioni 2009 e sulle riassegnazioni non utilizzate 2008.

Con il successivo D.P.C.M. 28 ottobre 2011, infine, sono state ripartite tra le regioni le risorse a valere sulle assegnazioni 2011 (Allegato 4 O.P.C.M. 3927/2011) e sui residui derivati dalle somme non trasferite nelle annualità 2008, 2009 e 2010.

Ulteriori interventi di adeguamento antisismico degli edifici del sistema scolastico sono stati previsti dall’art. 2, comma 1-bis, del D.L. 137/2008 (convertito dalla L. 169/2008), che ha disposto il versamento al bilancio dello Stato di somme iscritte nel conto dei residui del bilancio medesimo per l’anno 2008, a seguito di quanto disposto dall’art. 1, commi 28-29, della L. 311/2004 e non utilizzate alla data di entrata in vigore della relativa legge di conversione, da destinarsi al finanziamento di interventi per l’edilizia scolastica e per la messa in sicurezza degli istituti scolastici ovvero di impianti e strutture sportive dei medesimi.

I citati commi 28-29 hanno finanziato una serie di interventi rivolti a tutelare l’ambiente e i beni culturali e, in generale, a promuovere lo sviluppo economico e sociale del territorio per il triennio 2005-2007.

Lo stesso comma 1-bis ha demandato il riparto delle risorse, con l’individuazione degli interventi e degli enti destinatari, ad apposito decreto interministeriale, da emanarsi in coerenza con apposito atto di indirizzo delle Commissioni parlamentari competenti per materia e per i profili finanziari.

In attuazione di tale disposizione, in data 23 dicembre 2008, le Commissioni riunite V e VI della Camera hanno approvato la risoluzione n. 8-00025 di indirizzo al Governo, cui quest’ultimo ha dato seguito con il D.M. 29 aprile 2009 (pubblicato nella G.U. n. 102 del 5 maggio 2009 (pag. 12), che ha provveduto a ripartire, tra gli enti indicati in allegato al decreto stesso, la somma di 12,5 milioni di euro.

Le ultime novità

Con la delibera 30 giugno 2014, n. 21, il CIPE ha riprogrammato le risorse del FSC 2007-2013 resesi disponibili, stabilendo che 400 milioni di euro sarebbero stati destinati al Ministero dell’istruzione, università e ricerca (MIUR), per il finanziamento del “Piano Scuola”, e in particolare per le misure di riqualificazione e messa in sicurezza delle istituzioni scolastiche statali, attraverso lo scorrimento delle graduatorie per la realizzazione di ulteriori interventi finanziabili ai sensi dell’articolo 18, comma 8-ter del decreto legge 21 giugno 2013 n. 69, nonché delle graduatorie per la messa in conformità/agibilità degli edifici scolastici attraverso l’utilizzo delle economie derivanti dai ribassi d’asta di cui alle graduatorie degli interventi finanziabili ai sensi del citato articolo 18, comma 8-ter.

Con la successiva delibera 30 giugno 2014, n. 22, il CIPE ha quindi assegnato i suddetti 400 milioni di euro, per l’anno 2015, a favore del Ministero dell’istruzione, università e ricerca per il finanziamento delle misure di riqualificazione e messa in sicurezza delle istituzioni scolastiche statali. La predetta delibera, tra l’altro,

  • ha individuato, in appositi allegati, gli interventi finanziabili e le risorse destinate ad ogni Regione;
  • ha dettato le regole per lo scorrimento delle graduatorie degli interventi;
  • ha previsto che le economie derivanti dall’esecuzione dei predetti interventi finanziabili siano destinate allo scorrimento della graduatoria di cofinanziamento degli interventi per la messa in sicurezza e conformità degli edifici scolastici, proposti dagli Enti locali con riferimento al bando adottato con D.D.G. del Ministero dell’istruzione, università e ricerca 10 ottobre 2013, n. 267 (pubblicato nella GU n. 266/2013);
  • ha fornito indicazioni in merito alla verifica e al monitoraggio degli interventi;
  • ha previsto una modifica delle finalità di utilizzo delle risorse disponibili a valere sui 100 milioni di euro assegnati al Ministero dell’istruzione, università e ricerca con la delibera n. 6/2012.